Rapido confronto di risoluzione: Sony FE 24-105mm f/ 4 vs Nikon S 24-70mm f/4

Durante questi ultimi mesi mi è capitato di usare la Nikon Z7 varie volte e molto spesso col suo zoom standard e cioè il 24-70mm f/4 Nikkor S.

Ho letto molti commenti positivi sul nuovo Nikon S e in effetti nell’uso l’ho trovato sempre soddisfacente. Tuttavia mi era sempre parso di trovare una certa “morbidezza”, possibile segno di una risoluzione non ottimale. E così ho deciso di condurre una prova veloce per confrontare il Sony 24-105 f4 contro il suddetto Nikon, montati rispettivamente su A7RIII e su Z7, in modo da avere risoluzioni di sensore molto vicine.

Ho usato una mira ottica e anche una banconota da €5, con le macchine saldamente montate su un solido cavalletto.

I risultati hanno purtroppo confermato la mia impressione: il Nikon S soffre di una risoluzione appena sufficiente ai bordi a TA, ma anche a diaframmi più chiusi. Migliora man mano che ci si avvicina al centro.

Il risultato del Sony FE è invece eccellente, come avevamo già avuto modo di vedere nel test vs il Sigma Art 24-105. Questo obiettivo è talmente buono che toglie la necessità di avere una serie di fissi e quindi anche il piacere del giocare con i bellissimi fissi Sony 😉

Di seguito non mostrerò tutta la massa del confronto, ma solo alcuni crop interessanti, anche a f/5.6
Vediamo dunque questi confronti.

Sony a sinistra e Nikon a destra

Iniziamo con la focale di 70mm, angolo in basso a sx. Si vede chiaramente la perdita di contrasto del Nikon e la mancanza di risoluzione dei dettagli più fini

Ricordatevi di cliccare per “aprire” le varie immagini.

 


Adesso passiamo al centro, sempre 70mm  ma a f/5.6, vediamo che la differenza è quasi nulla, si nota una maggiore incidenza di “false colors” nel Nikon, ma si tratta di una differenza minore.

 

Ora passiamo a 35mm f/5.6 centro, anche qui la resa del Nikon è discreta, ma non eccezionale e comunque inferiore a quella del Sony:

 

E infine vediamo la focale più corta, iniziando dal centro a f/4

 

E ora sempre 24mm f/4 ma vediamo l’angolo in basso a sinistra

 

In quest’ultimo confronto si vede che la resa del Nikon è scarsa e insufficiente per un obiettivo di questo prezzo.

Se lo confrontiamo col 24-70VRI o VRII direi che le lenti Nikkor sembrano avere spesso un problema con la risoluzione ai bordi del fotogramma, cosa di cui le Canon, per esempio, non soffrono in modo così particolare. Forse è questione di priorità nel progetto degli obiettivi.

A titolo di curiosità pubblico anche un confronto tra il Sony usato in modalità Pixel-Shift e il Nikon (non dispone di pixel-shift). Qui siamo al centro, 35mm e f/5.6. Lo scopo è quello di vedere che cosa possono produrre le due fotocamere usando il massimo delle loro potenzialità… and the winner is…

 

… la differenza col Pixel-Shift è “devastante”. Non capisco come alcuni utenti non abbiano ancora imparato a usarlo e sostengano che non produce vantaggi…boh! Naturalmente il vantaggio è molto ampio anche rispetto alla stessa A7RIII in modalità normale. Potete leggere il mio articolo sul Pixel-Shift per ulteriori informazioni

Aggiungo che ho condotto molte prove anche all’aperto e sulle famose mire ottiche che non vedete qui, ma i risultati sono sempre questi. Ripeto, lo scopo non era condurre un test scientifico, ma un semplice e veloce confronto che tutti possono fare a casa loro.

 

NOTA BENE:

La risoluzione naturalmente è solo uno degli aspetti che rendono un obiettivo desiderabile. Devo dire che il Nikon S ha mostrato ottime doti di contrasto, resistenza al flare e anche uno sfocato di qualità. La velocità dell’AF per ora rimane un’incognita data l’estrema lentezza dell’AF-C sia sulla Z6 che sulla Z7, vedremo quando uscirà la “Z9” come si comporterà.

 

CONCLUSIONI:

La risoluzione del Nikon S 24-70 f/4 è risultata appena discreta e chiaramente inferiore da quella del Sony 24-105mm f/4 che pure dovrebbe pagare dazio per avere un’escursione più ampia. E’ sicuramente un’occasione persa per Nikon che ha in questa lente una specie di biglietto di invito ..per ora obbligatorio . Il famoso bocchettone ampio che “cattura la luce” 😯 (come da pubblicità Nikon) e che dovrebbe consentire ai raggi luminosi di incidere con un angolo più favorevole sul sensore, non ha dimostrato nessuna utilità pratica alla sua prima uscita. E’ possibile che dimostri comunque il suo vantaggio su ottiche più “spinte”

Noto anche che molti utenti Nikon onestamente credono di avere per le mani una grandissima lente.. dev’essere la forza dell’autosuggestione perchè questa lente è solo leggermente migliore dell’imbarazzante Nikon 24-70 f/2.8 VRII (o VRI for that matter)

Il successo futuro delle Z dipenderà molto anche dalla capacità di produrre lenti con migliore risoluzione effettiva.

EDIT

Un mio amico mi ha allertato che ci sono in corso interessanti discussioni su più di un forum riguardo al mio articolo. La cosa un po’ mi spaventa un po’ perchè questo sito vuole essere solo un punto di riferimento tra un piccolo gruppo di fotoamatori un po’ controcorrente, un po’ smanettoni e un po’ differenti…non certo un sito mainstream. Lo mantengo apposta libero ai commenti senza bisogno di registrazione affinché sia il più libertario possibile. Chiunque può scrivere qui.

Infine vorrei anche confessare che il mio primo e grande amore fotografico è stato e sempre sarà Nikon e mai farei commenti cattivi o non giustificati contro la vecchia Kogaku. Però, in questo momento storico, Nikon non mi offre le soluzioni che mi offrono le “playstation” 😉  Grazie per i contributi “indiretti”.

 

7
Lascia una recensione

avatar
  Subscribe  
più nuovi più vecchi più votati
Notificami
Maxx
Ospite
Maxx

Grazie per il lavoro qui presentato. Anch’io avevo avuto la stessa sensazione di poca incisività e vedo che non mi sbagliavo.
Dispiace un po’ vedere Nikon partire col piede sbagliato soprattutto in confronto allo zoom 24-105 di Sony.

Maxx
Ospite
Maxx

Aggiungo che anch’io ho sempre trovato gli zoom Nikon “trans-standard” molto deboli ai bordi…come dici tu dev’essere il loro “marchio di fabbrica” 🙂

Bruno V.
Ospite
Bruno V.

Aldilà della scarsa performance del Nikon S che trovo francamente imbarazzante, resta il fatto che il Sony 24-105 ha una resa INCREDIBILE. L’ho confrontato anche col Canon equivalente e non c’è storia. Col Sigma Art l’hai confrontato tu stesso qui su Ultrasony e il povero Art ne è uscito malissimo.
Sony ha evidentemente sviluppato un metodo di progettazione degli obiettivi che i concorrenti per ora non riescono a uguagliare.

Ubi89
Ospite
Ubi89

Cavolo! Non pensavo che ci fosse una differenza così grande. Dispiace vedere Nikon cadere sempre più in basso.

Fede
Ospite
Fede

No aspetta Ubi, non è il Nikon 24-70 S che fa schifo, è Il 24-105 Sony che è stellare. Il Nikon è tranquillamente alla pari del 24-70/2.8 VR, anzi a sentire i siti Nikonisti parrebbe essere anche un po’ meglio… ok dici tu , i siti Nikonisti valgono quello che valgono, sono di parte, ma anche noi lo siamo 🙂 per questo ci divertiamo !

Gianni
Ospite
Gianni

Fede, è vero quello che dici: anche noi siamo di parte e visto che non parliamo di cose troppo serie direi che tutto sommato ci sta!

Spinoza
Ospite
Spinoza

Di parte sì, ma sempre cercando mantenere l’obiettività di giudizio. A proposito, ho aggiunto un EDIT all’articolo in cui confesso il mio primo e vero amore che non è Sony, ma è e sarà sempre…Nikon. Che poi oggi la situazione oggettiva mi faccia usare un altro brand è un discorso puramente pragmatico e basta.